Cao & Marongiu

Il Mar di Sardegna ci aspetta

by / 1 Comment / 309 View / 25 maggio 2015

Sideral, l’Argo 650 di Andrea Fornaro e Oliver Bravo de Laguna è stato il primo Mini ad entrare nel Mare di Sardegna questa sera intorno alle 18.30 dopo aver doppiato la punta Nord dell’Asinara. Un Mini di serie (progetto Lombard) davanti ad Illumia (progetto de Beaufort) di Michele Zambelli con a bordo il navigatore sardo, Gaeatano Mura. Più che sulle performance della barca è grazie alla strategia che Fornaro e il suo coskipper spagnolo si sono guadagnati la leadership. Durante la prima notte quando hanno tirato questo bordo al largo, un vantaggio che stanno difendendo con grinta. ”Ci hanno fatto un bello scherzetto” ci diceva questa mattina Zambelli al VHF, ”cercheremo di recuperare, le occasioni non mancheranno.

Tanto di cappello ad Andrea e Oliver ma ha ragione Zambelli, la rotta è ancora lunga: circa 140 miglia tra Asinara e Carloforte, altre 40 miglia lungo la costa Sud e la risalita del Golfo degli Angeli fino a Cagliari.

IMG_4879

I ”volponi” Riccardo Cao e Carlo Marongiu

La copertina del post del giorno però la dedichiamo ai Volponi, di nome (il Ginto di serie ha preso il nome dello sponsor Legnami Volponi) e di fatto. Bella regata da parte di Riccardo Cao e Carlo Marongiu. Sono riusciti a staccarsi dal gruppo inseguitore (il prototipo Peter Punk di Pilar Pasanau, e il Pogo 2 Tortuga di Andrea Iacopini e Tommaso Stella e Golden Apple, altro P2 di Luca Cortazzo e Stefano Paltrinieri. I ”volponi” hanno circa 10 miglia di vantaggio su queste tre barche che continuano a navigare a vista. Se lo sono guadagnati nel vento leggero di ieri di questa notte e di questa mattina. Lo stanno consolidando nel bordeggio di bolina di questo pomeriggio in una brezza da NW salita fino a 15 nodi, in calo mentre scriviamo queste righe.

Schermata 2015-05-25 a 20.17.31

La posizione della flotta verso le ore 20

Questo hanno detto le Bocche finora, per rispondere alla nostra domanda di ieri: ariette notturne per i due primi, brezza in aumento per gli inseguitori. Hanno detto: ”Sì, si passa” almeno per le barche citate. Incrociamo le dita per il fanalino di coda, Marineria Italiana di Edoardo Cavallo e Adriano Tucci. Le previsioni meteo parlano di un ritorno del Maestrale nelle prossime 24 ore. Alcuni modelli di previsioni con una fase di SW prima della rotazione a NW, un bel po’ di Libeccio già per questa notte. Questo vorrebbe dire accelerazione per i primi che hanno già iniziato o si preparano per la discesa lungo la costa occidentale della Sardegna. Per i ritardatari il rischio è che le Bocche cambino discorso…

One Comment

  1. […] Il Mar di Sardegna ci aspetta […]

Comments are closed.